GAETAVOLA | Associazione di Promozione Sociale

PRIMA SERATA VENERDI 16 APRILE 2010

RISTORANTE: LA SIESTA

PATRON: Famiglia Scotto

 

MENUPROPOSTO:

Antipasto: Assaggini di mare - Insalata di mare con julienne di carciofi, “Tiella di scarola e baccalà”, tocchettini di spada alla scapece, calzoncini di scorfano e polpa di granchio e ricotta di pecora, spiedino di calamaretto panato 

Primo piatto:  Maccheroncino acqua e farina con gamberi rossi di Ponza ed indivia belga                    

Secondo piatto: Calamaro ripieno con provola affumicata e patate aromatizzate su crema di carciofi 

Vino abbinato a tutto pasto:Invito” biancp secco ( 100% moscato di Terracina )

Cantina Terre delle Ginestre Ausonia / Spigno Saturnia (LT)

Dessert: Crostata di mele con pinoli e canella e “Caprese”

Vino abbinato: Moscato ASTI Docg – Cantine Francesco Scanavino -  Cossano Belbo ( CN ) 

 

E’ partita venerdi sera presso il Ristorante La Siesta, uno dei locali storici della piana di S.Agostino, la seconda edizione di A cena con Gaetavola, il concorso tra ristoranti di Gaeta, ideato con successo dall’omonima associazione.

Come la scorsa stagione partenza con il botto con 60 presenti tra ospiti e soci di Gaetavola, soci che anche quest’anno si prestano con “gusto” a essere i giudici unici delle 8 cene.

L’associazione ha infatti allargato a 8, contro i 6 della prima edizione, il numero dei partecipanti al concorso per cercare di soddisfare al meglio le numerose richieste di iscrizione ricevute.

A testimonianza di ciò e quindi dell’assoluta bontà dell’idea di promozione del territorio e dell’economia della ristorazione che il concorso rappresenta quest’anno A Cena con Gaetavola ha ottenuto il patrocinio gratuito del Comune di Gaeta.

“Siamo sodisfattissimi per questo inizio che conferma l’andamento dello scorso anno del concorso, ma prima di tutto voglio ringraziare ancora una volta il Comune di Gaeta per aver voluto sigillare questo nostro evento con il suo patrocinio, è un piccolo premio che ci gratifica come associazione e da valore all’idea del concorso, continuando 60 commensali paganti sono un numero sempre importante, ma lo sono di più questa sera che a Gaeta c’erano eventi di alto richiamo e importanza. I nostri soci non hanno voluto mancare a questo primo appuntamento e di questo li ringrazio d’altronde senza i loro giudizi il concorso stesso non avrebbe senso. Anche quest’anno abbiamo avuto domande di partecipazione superiori agli 8 ristoranti ammessi, indice questo di una sicura accresciuta popolarità del concorso tra gli addetti ai lavori e di una migliore comprensione dello scopo finale dello stesso L’idea non è sicuramente  quella di eleggere il miglior ristorante di Gaeta ma essere pretesto per ridare il giusto valore alla cucina Gaetana, stimolando i ristoratori a proporre una cucina fatta soprattutto di prodotti locali, ricette della tradizione e loro creative reinterpretazioni, facendone così una sicura fonte d’attrazione turistico culturale.” ha dichiarato Cosmo Pesigi Presidente di Gaetavola.

Dopo La Siesta si proseguirà con cadenza mensile, escludendo Agosto, secondo il seguente calendario: Trasparenze di Vino MAGGIO, Ariana GIUGNO, Enoteca Raschi LUGLIO, Sorelle Cannolicchio SETTEMBRE,  Re Ferdinando II OTTOBRE, Atratino NOVEMBRE, Il Follaro, vincitore della prima edizione, DICEMBRE.

Come per l’anno scorso questa prima serata di A cena con Gaetavola è coincisa con l’assemblea annuale dei soci dell’associazione. Durante la cena il Presidente Pesigi ha cosi tirato anche le somme dell’attività 2009 e presentato il programma eventi Gaetavola 2010, che avrà i suoi momenti clou con le due ormai consolidate manifestazioni  "La Tiella, le olive e le alici di Gaeta" storia, tradizione e degustazione
VII edizione il 21 e 22 Maggio e "Le Vie di Gaeta" percorso gastronomico culturale
VIII edizione del 2 e 3 Ottobre.

L'Associazione

Gaetavola nasce nel 2002 con l’intento di rivalutare le buone tradizioni gastronomiche del territorio comprendente Gaeta ed i comuni circostanti.

Dalle nostre tavole sempre più spesso scompaiono sapori ed odori che sono, o dovrebbero essere, parte integrante della nostra cultura e tradizione, soppiantati da prodotti commerciali che si assomigliano sempre di più annullando il gusto dei cibi.

La bontà di un pesce appena pescato, la fragranza di un dolce tipico, la freschezza di un’insalata di pomodori ovvero di un frutto appena raccolto costituiscono un piacere di non facile descrizione. La possibilità che si possa gustare qualcosa del genere nella preparazione del pasto di ogni giorno rappresenta uno dei motivi per cui si è costituita Gaetavola.

Facebook